Art Energy

le novità di mercato. Vi sono numerose aziende soprattutto nel campo dell'energia che hanno istituito dei concorsi aperti a designer e artisti per trovare idee innovative per promuovere l'energia.

L'energia dell'arte

Sono sempre di più le aziende che hanno deciso di collaborare con il mondo dell'arte e del design per fornire prodotti belli ed efficienti. Non solo aziende manifatturiere ma anche aziende che forniscono servizi primari come le grandi società che distribuiscono energia elettrica cercano nuovi prodotti per stimolare il mercato e creare oggetti accattivanti per avere una nuova immagine. Le principali aziende che si occupano di produzione e trasmissione di energia che hanno deciso di investire sulla cultura troviamo ENEL, ENI, Terna, Edison, Snam, questi sono solo alcuni nomi il mercato dell'art Energy continua a crescere giorno dopo giorno. L'Italia si trova solo al decimo posto come utilizzo di energie rinnovabili da qui nasce la scelta di molte aziende di investire nell'arte per incentivare la crescita dell'energia rinnovabile.
Art Energy

La scelta di Terna

L'azienda Terna trasporta energia ad alta tensione dai punti di produzione a quelli di distribuzione ma non solo si occupa anche della gestione degli impianti e dell'ampliamento della rete. L'azienda conta 3500 dipendenti e 72000 km di rete elettrica sempre in espansione. La società attiva sul territorio nazionale dal 1999 ha deciso di istituire un Premio per favorire la creatività dei giovani. Il concorso, che si ripete ogni anno, viene gestito principalmente attraverso il web ogni anno viene prescelta una tematica che ha sempre come argomento principale l'energia. Il premo promuove iniziative per sostenere i musei e renderli nuovamente parte vitale delle città, l'intento è quello di valorizzare l'arte all'interno delle città. Per gli artisti vincitori vi è anche un premio in denaro. Il progetto nato nel 2008 è arrivato alla sesta edizione quella 2014. Dal 2015 sembra non sia stato più rinnovato.

Edison

Edison azienda che lavora nell'ambito dell'energia da oltre 130 anni non solo in Italia ma anche in buona parte del territorio europeo. Con il suo lavoro l'azienda ha contributo allo sviluppo del paese espandendo la rete elettrica. Nel 2014, in concomitanza dei festeggiamenti dei 130 dell'azienda, la società ha deciso di iniziare un progetto per promuovere l'energia rinnovabile utilizzando come mezzo di comunicazione l'arte. Numerose iniziative hanno permesso di conoscere la storia della società e promuovere le nuove fonti d'energia, il progetto continua nel tempo. Nel 2017 Edison annuncia una nuova collaborazione con il Teatro alla Scala, dal 15 settembre alimenterà il museo il Museo del teatro utilizzando solamente energia rinnovabile, evitando così il rilascio in atmosfera di 5 tonnellate di anidride carbonica. Il rapporto tra Edison e il Teatro alla Scala inizia nel lontano 1883 quando l'azienda fornì l'illuminazione per la prima della "Gioconda" di Ponchielli.